11 milioni e mezzo di euro per il “Fondo di Rassicurazione”, destinato a supportare le piccole e medie imprese nell’accesso al credito

Avviso pubblico “Fondo di Rassicurazione”, per supportare le piccole e medie imprese (Pmi) grazie a forme di garanzia che consentano condizioni efficienti nell’accesso al mercato del credito.

Risorse totali disponibili: 11,5 milioni di euro a valere sul POR FESR Lazio 2014-2020 e gestito dal Raggruppamento Temporaneo di Imprese costituito tra Artigiancassa e Banca del Mezzogiorno – Medio Credito Centrale, individuato quale “Soggetto gestore”

Il Fondo sostiene le Pmi offrendo una riassicurazione ai confidi che erogano garanzie al credito per finanziamenti alle imprese, riducendo in tal modo il costo sostenuto dalle Pmi stesse per ottenere la garanzia.

Richiedenti: Consorzi di garanzia fidi (confidi), singoli o riuniti in pool appositamente convenzionati con il Gestore del Fondo (RTI)

Beneficiari: Pmi e i liberi professionisti non in difficoltà, con almeno una sede operativa nel Lazio, iscritte nel Registro delle Imprese o, nel caso dei Liberi Professionisti, abbiano partita IVA; che non siano oggetto di protesti e/o di iscrizioni e/o trascrizioni pregiudizievoli, con esclusione di quelle volontariamente concesse; che non abbiano subito nell’ultimo anno la revoca per inadempimento di finanziamenti e/o affidamenti bancari.

L’agevolazione consiste in una riassicurazione fino al massimo dell’80% dell’importo garantito dal confidi, a condizione che la garanzia rilasciata da quest’ultimo sia compresa tra il 60% e l’80% dell’importo del finanziamento erogato. L’importo massimo garantito dal confidi è pari a 250.000 euro e l’importo massimo della riassicurazione è pari a 200.000 euro.

Il termine per la presentazione delle richieste è fissato entro il 10 di ogni mese (a partire dal 18 settembre 2017) con riferimento ai finanziamenti erogati dalle banche nel trimestre precedente al mese di presentazione.

Pr leggere il bando completo clicca qui: por_fesr_fondo_riassicurazione

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *