Apicoltura, bando da oltre 180.000 euro

Migliorare la produzione e la commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura laziale attraverso:

  • la formazione dei neoapicoltori o di giovani che intendono avvicinarsi al mondo dell’apicoltura, nonché l’aggiornamento di apicoltori professionali, attraverso l’organizzazione di corsi tematici specifici, seminari, convegni, incontri divulgativi;
  • lo sviluppo della pratica del nomadismo tra gli apicoltori laziali, attraverso l’acquisto di arnie, attrezzature e materiali idonei all’esercizio e alla pratica dello stesso nomadismo consentono la produzione di mieli di elevata qualità e valore merceologico;
  • il ripopolamento del patrimonio apistico regionale, lo sviluppo e la specializzazione dell’attività di allevamento, selezione miglioramento genetico e moltiplicazione delle api regine, degli sciami e delle famiglie di api, sostenendo la diffusione e la presenza dell’Apis mellifera ligustica.

Sono queste le finalità dell’avviso pubblico approvato dalla Regione Lazio con Determinazione n. G15268 del 7 novembre 2019 nell’ambito del programma comunitario “Azioni dirette a migliorare le condizioni della produzione e della commercializzazione dei prodotti dell’apicoltura” – Sottoprogramma operativo Regione Lazio – Campagna apistica 2019 – 2020 – Sottoazioni A.1.2 – A.2 – C.2.1 – C.2.2 – E.1 – E.2”.

Le risorse finanziarie previste per la Regione Lazio e ripartite con Decreto ministeriale n. 3611 del 27 giugno 2019 – annualità 2019/2020 – per l’attuazione delle azioni sopraindicate sono pari a 182.358,73 euro di spesa pubblica, suddivisi tra le diverse misure/azioni/sottoazioni indicate nel bando.

Per facilitare l’accesso alle attività formative e divulgative da parte degli apicoltori vengono stabiliti i seguenti termine per la presentazione delle domande di aiuto:

  • Azione A.1.2 ed A.2: la domanda di aiuto, corredata della documentazione necessaria, così come elencata all’articolo 6 del presente Bando Pubblico, dovrà pervenire, entro le ore 23,59 del 10 dicembre 2019, pena inammissibilità, esclusivamente al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: agriproduzioni@regione.lazio.legalmail.it
  • Azione C.2.1 – C.2.2 – E.1/E2: la domanda di aiuto, corredata della documentazione necessaria, così come elencata all’articolo 6 del presente Bando Pubblico, dovrà pervenire, entro le ore 23,59 del 13 gennaio 2020, pena inammissibilità, esclusivamente al seguente indirizzo di posta elettronica certificata: agriproduzioni@regione.lazio.legalmail.it

Per leggere il bando completo, cliccare qui:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *