Concorsopoli Asl Latina: su responsabilità Casati sia Zingaretti che D’Amato fanno melina voltando le spalle a chi ha operato nel rispetto della legge e della correttezza

Nessuna risposta concreta all’interrogazione che ho presentato, discussa oggi al question time del consiglio regionale, sulla vergognosa vicenda che ha travolto i concorsi espletati dalla Asl di Latina rispettivamente per la selezione di 23 posti da collaboratore amministrativo Cat. D e 70 posti di assistente amministrativo Cat. C. Il quesito era semplice e diretto. Chiedevo a Zingaretti e D’Amato se a fronte di quanto accaduto non intendessero, a tutela anche della Regione che rappresentano, avviare con urgenza  un’accurata indagine interna al fine di comprendere quali siano le “pressioni politiche”, e da chi siano state esercitate, sulla Asl di Latina a cui ripetutamente fa riferimento l’ex direttore generale della stessa azienda, Giorgio Casati. Prendiamo atto, dalla risposta dell’assessore regionale alla sanità che non si intende farlo. Che non è intenzione, né volontà, di chi governa questa Regione fare luce su una vicenda le cui ripercussioni le stanno ingiustamente pagando a caro prezzo tutte quelle persone che hanno partecipato al concorso considerandolo una chance per il proprio futuro, che si sono impegnati, sacrificati ed hanno studiato per raggiungere un risultato oggi cancellato a causa di chi aveva già deciso chi avrebbe dovuto vincerli. Quanto accaduto è di una gravità estrema e ancor più grave è che, al di là degli atti di verifica dovuti avviati dalla Regione Lazio e della decisione di costituirsi parte civile nell’eventuale processo, né Zingaretti né D’Amato abbiano intenzione di comprendere chi siano le persone che “tengono per le p…” il direttore sanitario della Asl di Latina Visconti, come lo stesso Casati confida all’ “amico Bruno” e come emerge dalle intercettazioni, chi siano i componenti di quella regia regionale cui sempre Casati fa riferimento e fautori della carriera di Rainone agevolata dal fatto che “fa favori a tutti”. Dalle dichiarazioni rese dal Dott. Casati emerge, in modo inequivocabile, la consapevolezza della pressante presenza di una certa politica nella gestione della Asl di Latina di cui lo scandalo dei concorsi sembra essere solo uno degli epiloghi. Casati parla, appellandoli quali “bastardi politici”, di persone che avrebbero esercitato il proprio potere sia per “agevolare” la carriera di Claudio Rainone quale premio per le proprie prestazioni illegali, sia quali “manipolatori” della figura di Giuseppe Visconti, direttore sanitario e a sua volta direttore generale facente funzioni della Asl di Latina. E’ inaccettabile che nessuno oggi si ponga alcun interrogativo sulla correttezza dell’agire dell’ex direttore generale Casati, che ha guidato la Asl di Latina per ben cinque anni dal 2016 al 2021, che intuitu personae ha affidato incarichi di vertice sia a Rainone che definisce “la persona più ladrona”, che a Visconti, firmando i contratti di suo polso. Quello che resta è una delle pagine più buie della sanità della nostra provincia, segnata da concorsi in cui anziché i meriti hanno preso il sopravvento nomi e cognomi di collaboratori di consiglieri regionali, figli e parenti di lavoratori della Asl, di medici dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, di componenti delle segreterie di una ben identificata parte politica. Prendiamo atto che chi oggi guida la regione Lazio preferisca limitarsi a fare il minimo indispensabile per salvare la faccia. Noi non ci fermeremo qui nell’interesse delle tante, troppe, vittime di questa vicenda che sono tutte le persone che hanno agito a qualsiasi livello nel rispetto della legge e della correttezza.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *