Cultura, pubblicato l’avviso “La Cultura fa Sistema”, finalizzato allo sviluppo dei sistemi dei servizi culturali

La Regione Lazio ha pubblicato l’avviso pubblico “La cultura fa sistema 2019” rivolto a sistemi museali, bibliotecari, archivistici e integrati cui afferiscono i servizi culturali di ente locale e di interesse locale accreditati in O.B.R. e O.M.R. nel 2018, nonché gli archivi storici di ente locale.

Obiettivo: valorizzare i sistemi di servizi culturali già costituiti e incoraggiare nuove strategie di sistema; evidenziare il ruolo di musei, biblioteche e archivi storici quali servizi essenziali di una comunità e di un territorio; coinvolgere le associazioni e le comunità locali nella programmazione delle attività culturali; utilizzare spazi e luoghi non tradizionali per le attività di divulgazione culturale, in modo da aprire nuove prospettive e sperimentare un rapporto diverso con il pubblico.

Soggetti beneficiari dei contributi:

1. Sistemi museali, bibliotecari e integrati cui afferiscono i servizi culturali di Ente locale e di interesse locale accreditati in O.B.R. e O.M.R. nel 2018; i sistemi devono essere in possesso dei requisiti indicati nel Piano triennale di cui sopra.

2. Ampliamenti – adeguatamente formalizzati – di sistemi già esistenti; biblioteche e musei accreditati non ancora facenti parte di sistemi possono cioè aderire a sistemi già esistenti se presentano coerenza con l’ambito territoriale del sistema e con il progetto per il quale viene

3. Nuove aggregazioni di servizi culturali formalizzate in Sistema attraverso atti pubblici ed in possesso dei requisiti indicati nel Piano triennale di cui sopra.

4. Sistemi archivistici in possesso dei requisiti indicati nel Piano triennale di cui sopra.

Spese ammissibili:

-Costi di produzione e di comunicazione sostenuti per la realizzazione degli interventi ammissibili previsti nel progetto, quali ad esempio: prestazioni professionali di soggetti esterni anche destinate al reperimento di finanziamenti, rimborsi viaggi e ospitalità; produzione di materiali scientifici, organizzazione di eventi e iniziative, affitto di spazi e noleggio attrezzature, acquisto di materiali inerenti le attività in programma, spese SIAE, produzione e diffusione di materiale promozionale, pubblicità sui media;

-Spese di progettazione e di coordinamento delle attività, qualora affidate a soggetti non dipendenti fissi degli enti titolari dei servizi culturali o di enti strumentali, purché non superino il limite massimo del 15% del totale delle uscite;

-Spese per il personale dipendente fisso e di enti strumentali per la quota parte relativa al tempo di formale assegnazione al progetto (mediante ordini di servizio o altri atti idonei a dimostrare l’assegnazione e il tempo dedicato), purché non superino il limite massimo del 10% del totale delle uscite.

Dotazione finanziaria: di € 1.000.000. Il contributo massimo riconoscibile per ogni singolo progetto è pari a: € 40.000 per progetti che coinvolgano fino a 6 servizi culturali accreditati e archivi storici comunali in possesso dei requisiti indicati nel Piano Triennale per l’adesione ad un sistema archivistico; € 70.000 per progetti che coinvolgano da 7 a 10 servizi culturali come sopra; € 100.000 per progetti che coinvolgano più di 10 servizi culturali come sopra.

Presentazione delle domande: entro e non oltre il 30° giorno successivo alla data di pubblicazione del presente avviso sul Bollettino Ufficiale Regione Lazio del 02.07.2019.

Per leggere l’avviso completo, cliccare qui:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *