D’accordo con le province del Lazio, rivisitare impianto normativo legge Delrio

Condivido le finalità del documento presentato in data odierna dai vertici istituzionali delle Province del Lazio, che rivendica l’urgenza di una rivisitazione dell’impianto normativo della l.56/2014. La legge Delrio ha dimostrato di essere lontana anni luce dai cittadini, dalla vita reale e dalle esigenze dei territori.
Le Province devono riacquistare la loro autorevolezza politica e rappresentativa ponendosi al servizio dei cittadini. A mio giudizio occorre dare rango costituzionale alle Province e tornare all’elezione diretta del presidente e del Consiglio.
Devono innanzitutto tornare ad essere Enti in grado di dare servizi ai cittadini, i cui organi politici siano eletti direttamente dal popolo, e capaci di attuare il programma che gli elettori hanno scelto.
Poi c’è il problema della mancanza di risorse necessarie per svolgere le poche funzioni che gli sono rimaste quali la manutenzione ordinaria e straordinaria delle strade, delle scuole superiori, la pianificazione territoriale e la tutela ambientale.
Occorre dotarle di adeguate disponibilità finanziarie, riorganizzarne le funzioni e renderle enti in grado di interloquire attivamente con i diversi livelli di governo.
Non dimentichiamoci che si tratta di veri e propri enti di prossimità per i Comuni più delle stesse regioni. Pensiamo ai numerosi centri del Lazio con meno di 5000 abitanti. Ebbene, la Provincia diventa per loro un ente importantissimo, un punto di riferimento direi fondamentale.
Ritengo dunque che sia sacrosanta la richiesta di revisionare la legge Delrio per ridare alle Province il rango, il ruolo e le funzioni, che meritano ed ai cittadini la possibilità di scegliere, liberamente e democraticamente, da chi essere rappresentati.
Impegneremo i nostri parlamentari a chiedere con forza la rivisitazione di una legge che ha creato un ampio solco fra enti di prossimità e cittadini.

3 commenti
  1. Ezio Capone
    Ezio Capone dice:

    La reintroduzione delle PROVINCE è FONDAMENTALE PER UN BUON GOVERNO DEL TERRITORIO, Il compito loro assegnato fà sì che la macchina amministrativa funzioni in ogni suo ingranaggio, a partire dall’impostazione tecnico-amministrativo tra la provincia ed il comune. Lo stato di degrado in cui versano i territori non consente oltre la loro reintroduzioneper una organicità ambientale atta a riprogrammare interventi di ogni genere.

    Rispondi

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *