Data Center sia punto di partenza per sviluppo digitale nella sanità laziale

Il data center del Lazio deve costituire un punto di partenza e non di arrivo per il miglioramento della sanità regionale. Da tempo affermo che il digitale rappresenta una grande rivoluzione anche per l’erogazione di servizi sanitari più veloci, efficienti e accessibili. Penso certamente all’App Salute Lazio con la geolocalizzazione delle strutture sanitarie e l’aggiornamento in tempo reale sui flussi nei Pronto Soccorso. Come pure innovativa è la piattaforma ‘Advice’ di Telemedicina. Un’opportunità per la condivisione e il teleconsulto di immagini diagnostiche nonchè delle analisi di laboratorio messa a disposizione di medici e specialisti, dai Pronto soccorso alle specifiche reti di emergenza. Si tratta di un progetto di notevole impatto nel Lazio, dal momento che riguarderà tutti i 47 Pronto Soccorso della nostra regione. L’innovazione tecnologica può contribuire a una riorganizzazione dell’assistenza sanitaria, sostenendo lo spostamento del fulcro dell’assistenza sanitaria dall’ospedale al territorio, attraverso modelli assistenziali innovativi incentrati sul cittadino e facilitando l’accesso alle prestazioni

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *