La Politica che Lavora

Esistono un’Italia seria e un Lazio che non si piegano ai compromessi e alle soluzioni facili, ma che lavorano duramente,
rischiano in proprio e ci mettono la faccia anche per il bene della comunità a cui sentono di appartenere.

Uomini e donne che non restano fermi a sognare ma permettono alla vita vera di crescere e svilupparsi.
Persone che si svegliano la mattina e non guardano il tempo maledicendo la sorte ma vanno a lavorare e tornano la sera consapevoli di avere giocato le loro carte al meglio.

Io credo in tutto ciò ed è questo che guida il mio impegno politico, giorno dopo giorno, tra le persone e per le persone.

Perché esiste ancora una politica che lavora.

Il Mio Diario

Sanità: all’ospedale Sant’Andrea inaccettabile violenza contro personale medico. Servono risposte urgenti

Ennesimo, inaccettabile, atto di violenza contro il personale medico quello avvenuto all’ospedale Sant’Andrea nella notte tra il 15 ed il 16 ottobre. Ennesimo campanello di allarme per un fenomeno che continua a dilagare e che come istituzioni deve vederci in prima linea per trovare misure di prevenzione e repressione realmente applicabili a tutela del personale medico. Niente e nessuna motivazione può giustificare la violenza nei confronti dei medici e degli altri operatori. Sale d’aspetto affollate e allungamento dei tempi di visita nelle aree di emergenza, allungamento di liste d’attesa, ritardo dell’arrivo dei mezzi di soccorso, richiesta di prestazioni non adeguate, carenza di posti letto, non possono essere pagati da coloro che lavorano per risolvere i problemi di un sistema di cui sono altrettanto vittime. Con questa consapevolezza credo debba lavorare l’Osservatorio regionale sulla sicurezza degli operatori sanitari, che si è insediato nei primi giorni di ottobre, per contribuire a trovare soluzioni non tampone ma sistematiche, a partire dalla presenza o implementazione della vigilanza nelle strutture ospedaliere, per dare adeguate garanzie di sicurezza agli operatori.