Il taglio delle risorse sarebbe una mazzata per la sanità del Lazio

Esprimo grande preoccupazione per le notizie provenienti dalla Conferenza Stato-Regioni. La clausola introdotta nella bozza del nuovo ‘patto per la salute’ di fatto rischia di essere il preludio al taglio di 2 miliardi di euro al fondo sanitario nazionale. Nel testo proposto dal Ministero si subordina infatti il finanziamento del prossimo anno alla variazione del quadro macroeconomico. L’apertura della procedura d’infrazione da parte dell’Ue verso l’Italia aprirebbe la strada al taglio del Fondo sanitario nazionale. Un’eventualità che finirebbe per danneggiare la già malata sanità laziale. Il 12° posto assegnato alla nostra regione dall’indagine dell’istituto Demoskopika testimonia la grande difficoltà in cui versano i servizi, ma soprattutto è alta l’insoddisfazione degli utenti per come viene gestita la sanità del Lazio. Il possibile taglio di risorse non aiuterebbe certamente quel processo di risalita da noi auspicato. Il rischio concreto è quello di non poter uscire dal tunnel profondo in cui si trova la sanità della nostra regione. Una prospettiva inquietante per i cittadini laziali: è necessario che i Ministeri competenti facciano chiarezza una volta per tutte

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *