Manifatturiero, la crisi avanza nella noncuranza di Zingaretti

Il quadro desolante che emerge dall’indagine della Cna è un monito e un appello che ci auguriamo il presidente della Regione Zingaretti sappia cogliere con rapidità. Un saldo negativo per il mondo produttivo che evidenzia la cattiva performance del settore manifatturiero e ancor peggio dell’edilizia. Nel Lazio, Frosinone e Latina sono le province che pagano di più lo scotto della crisi mentre quella che se la cava meglio è Roma. I nodi da sciogliere per le piccole e medie imprese sono legati, da troppo tempo ormai, all’accesso al credito e crescono le imprese che hanno ricevuto una riduzione, una richiesta di rientro o la revoca dei finanziamenti bancari in essere nel primo semestre (+36,9%). Le imprese e le associazioni di categoria chiedono concretezza e attenzione nella gestione dei programmi europei sino al 2020. Sentiamo di tante belle iniziative intraprese dalla Regione Lazio ma vediamo poco, in termini di ricadute, per le imprese che dovrebbero consolidare il proprio patrimonio produttivo e garantire quindi i livelli di occupazione. E’ il caso che Zingaretti e la sua maggioranza rivedano forse gli strumenti messi in campo ascoltando, e non limitandosi a sentire, la voce degli operatori, degli imprenditori, delle associazioni di categoria che sono l’urlo di dolore delle nostre comunità.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *