Nuova ordinanza per ulteriori riaperture di attività culturali, economiche e sociali

La nuova ordinanza consente la ripresa di molte attività che erano ancora ferme e rende pubbliche le linee guida delle strutture che riapriranno nei prossimi giorni, come i campeggi, i parchi tematici e di divertimento e i centri benessere:

  • dal 29 maggio potranno riaprire gli stabilimenti termali e i centri per il benessere fisico, oltre alle attività che avevano già autorizzato: stabilimenti balneari e lacuali, spiagge libere, parchi tematici, spettacolo viaggiante, campeggi e villaggi turistici;
  • dal 3 giugno fermo restando la sospensione delle attività delle Istituzioni di alta formazione artistica musicale e coreutica stabilito dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri del 17 maggio 2020 è consentita l’attività corsistica individuale e collettiva (a titolo esemplificativo e non esaustivo: scuole di musica, di danza, di pittura, di fotografia, di teatro, di lingue straniere ecc.), nonché la formazione professionale, per la parte pratica e di stage/tirocinio, centri ricreativi e culturali;
  • dal 15 giugno saranno infine consentite le attività dei centri estivi per bambini e dei centri anziani.

L’ordinanza recepisce le linee guida elaborate e approvate dalla Conferenza delle Regioni per lo svolgimento in sicurezza di numerose attività già consentite, come le guide turistiche, il noleggio di veicoli, la manutenzione del verde, le aree giochi per bambini e le attività fisiche all’aperto.

È inoltre consentito, per le attività ancora sospese, l’accesso alle strutture e agli spazi aziendali esclusivamente al personale impegnato in attività di allestimento, manutenzione, ristrutturazione, montaggio, pulizia e sanificazione, nonché a operatori economici ai quali sono commissionate tali attività finalizzate alla predisposizione delle misure di prevenzione e contenimento del contagio propedeutiche a successive disposizioni di apertura.

Per leggere l’ordinanza completa, cliccare qui:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *