Ok il manuale per il nuovo Triage, ma i Pronto Soccorso restano nel caos

Bene il manuale operativo per la trasformazione del triage ospedaliero dai codici a colore ai codici numerici. Si tratta di un documento necessario per fare chiarezza sul nuovo sistema che entrerà in vigore dal prossimo anno. All’assessore D’Amato però consiglierei di tenere i piedi per terra sui risultati raggiunti in questi anni, in virtù dei gravi problemi che si continuano a registrare nelle strutture d’emergenza.
La verità è che i Pronto Soccorso esplodono. Ormai sono diventati degli autentici ‘gironi infernali’. A cominciare dalle criticità organizzative. Basti pensare al problema delle ambulanze del 118 ferme, perché le barelle che vengono utilizzate per trasportare i pazienti si trasformano in letti di fortuna a causa dell’assenza di posti letto. Senza dimenticare la cronica carenza di personale medico ed infermieristico.
Attendiamo quindi miglioramenti per la sanità del territorio. In particolare sui Punti di Primo Intervento auspichiamo che si faccia chiarezza. Senza una rete assistenziale efficiente e capillare l’unico risultato che si raggiungerebbe con la loro chiusura sarebbe quello di ingolfare ancora di più i Pronto Soccorso, molti dei quali vivono condizioni al limite del collasso, diventati sempre più spesso scenari di aggressioni, esasperazioni e proteste da parte degli utenti. A tal riguardo all’assessore D’Amato, nella sua veste di presidente dell’Osservatorio regionale per la sicurezza degli operatori sanitari, rinnoviamo la richiesta di convocare al più presto una riunione di questo organismo, per affrontare un problema sempre più stringente legato alla tutela di migliaia di professionisti della nostra sanità

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *