Ospedale del Golfo, l’Asl di Latina avvia l’iter per lo studio di fattibilità

Un importante tassello nella direzione del grande nosocomio del sud pontino. Con la delibera n°931 dell’Asl di Latina che dà il via libera alla selezione per redigere lo studio di fattibilità, si compie il primo vero passo verso l’ospedale del Golfo.
La Regione Lazio aveva ufficialmente comunicato all’Asl con la nota 22256 dello scorso 18 giugno che tra gli interventi di edilizia sanitaria predisposti c’era anche la realizzazione del nuovo ospedale del Golfo – Dea I, verso il quale è previsto un finanziamento pari a 75 milioni di euro.
Con la stessa missiva era stata chiesta la trasmissione di uno studio di fattibilità alla direzione regionale per l’ottenimento del parere favorevole del Nucleo di Valutazione regionale, prima della stesura dei successivi livelli progettuali.
Apprendo che l’Asl di Latina a distanza di qualche mese ha dunque avviato le procedure per la redazione dello studio di fattibilità.
Ritengo che la creazione del nuovo ospedale del Golfo sia una tappa fondamentale nel processo di innalzamento degli standard quali quantitativi della sanità della provincia di Latina. Da anni ci stiamo battendo per portare a compimento quest’opera.
Il Policlinico è davvero essenziale per Formia e per tutto il comprensorio del sud pontino. La sua realizzazione risponderebbe ad un’esigenza non più rinviabile che consiste nel creare un ospedale più moderno rispetto al Dono Svizzero, innovativo e strutturalmente all’avanguardia. C’è bisogno di una struttura che dia risposte nuove e concrete al settore della sanità della provincia di Latina e del Lazio.
Allo stesso tempo considero necessario potenziare i servizi dell’attuale nosocomio formiano. Abbiamo una risonanza magnetica che deve andare a regime. Come pure appare non più rinviabile l’implementazione della pianta organica del Dono Svizzero. Interventi urgenti su cui vigileremo, affinchè vengano eseguiti il prima possibile.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *