PSR Lazio 2014 – 2020, 1 milione di euro per il bando della Regione Lazio destinato a promuovere nuove forme di conoscenza e sostenere l’interazione e la cooperazione tra le aziende agricole

PSR Lazio 2014 – 2020, 1 milione di euro per il bando della Regione Lazio destinato a promuovere nuove forme di conoscenza e sostenere l’interazione e la cooperazione tra le aziende agricole

Obiettivo:  illustrare, informare e sensibilizzare gli addetti al settore agricolo, agroalimentare e forestale, gli operatori economici che siano PMI in zone rurali, i gestori del territorio, tra cui tecnici pubblici e privati, in merito all’impiego di metodi di produzione volti a migliorare la sostenibilità ambientale, la competitività, l’efficienza delle risorse, le prestazioni ambientali delle aziende agricole e forestali. Nell’ambito di questa sottomisura è previsto il sostegno ad azioni di trasferimento di conoscenze ed acquisizione di competenze diverse dai tradizionali corsi di formazione anche al fine di incrementare la partecipazione dei destinatari tramite un coinvolgimento più diretto e immediato.

Possono partecipare: soggetti pubblici o privati, già accreditati dalla Regione Lazio come fornitori di formazione in agricoltura nel settore forestale e agroalimentare. Nelle more, inoltre, la procedura di accreditamento è aperta a tutti i potenziali beneficiari del bando e la richiesta di accreditamento può essere presentata in un qualsiasi momento

Destinatari: persone fisiche che operano, anche in qualità di dipendenti (compresi coadiuvanti e membri della famiglia agricola), nel settore agricolo, forestale, agroalimentare, nella gestione del territorio, tra cui tecnici pubblici e privati ed altri attori economici le cui imprese di riferimento rientrano nel campo delle piccole e medie imprese aventi sede legale e operativa nelle zone rurali

Presentazione delle domande: dal 22/12/16 ed entro e non oltre il 28/02/17

Per leggere il bando completo clicca qui: psr-2016-6413_psr-bando-formazione

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *