PSR Lazio 2014 – 2020, avviso pubblico per il “Pagamento al fine di adottare e mantenere pratiche e metodi di produzione biologica”

PSR Lazio 2014 – 2020, avviso pubblico per il “Pagamento al fine di adottare pratiche e metodi di produzione biologica” e il “Pagamento al fine di mantenere pratiche e metodi di produzione biologica”, rispettivamente Sottomisura 11.1 e 11.2 all’interno della “Misura 11 “Agricoltura Biologica” (Articolo 29 del Regolamento (UE) n. 1305/2013)

Obiettivo: le presenti sottomisure mirano a incentivare gli agricoltori a convertire e mantenere l’azienda agricola al metodo di produzione biologico, come definito nel Regolamento (CE) N. 834/2007. Il metodo esclude l’uso di “input chimici” di sintesi (fertilizzanti, prodotti fitosanitari, additivi, ecc…) nella produzione, trasformazione e conservazione degli alimenti, prevedendo altresì l’adozione di tecniche e processi di produzione sostenibili dal punto di vista ambientale.
Pertanto con il presente Bando pubblico si intende attivare la presentazione delle domande di pagamento per l’anno 2018 a valere sulla Misura 11 del Programma di Sviluppo Rurale del Lazio 2014/2020 per le seguenti tipologie di operazioni:
11.1.1 – Conversione a pratiche e metodi di agricoltura biologica
11.2.1 – Mantenimento di pratiche e metodi di agricoltura biologica

Possono partecipare: agricoltori attivi singoli o associati
Il beneficiario deve essere in possesso dei seguenti requisiti/condizioni di ammissibilità stabiliti all’art. 3 del presente bando

Le operazioni/tipologie d’intervento 11.1.1 “Conversione a pratiche e metodi di agricoltura biologica” e 11.2.1 – “Mantenimento pratiche e metodi di agricoltura biologica” prevedono il rispetto degli impegni per una durata pari a 5 anni (dalla domanda di sostegno – 1° anno).
Gli impegni sono di seguito elencati e descritti:
– garantire, su tutta la superficie agricola aziendale, la conformità al metodo di produzione biologica
come stabilito dal Reg. CE n. 834/07 e successive modifiche ed integrazioni, con la possibilità di escludere le produzioni zootecniche;
– uso dei soli prodotti fitosanitari previsti nell’All. II del Reg. CE 889/2008 e sue ss.mm.ii.;
– uso dei soli concimi, ammendanti e nutrienti previsti nell’All. I del Reg. CE 889/2008 e sue ss.mm.ii.;                                                                                                                                                                          – compilare i registri aziendali previsti dal sistema di certificazione delle produzioni biologiche (art. 72
del Reg. CE 889/2008 e sue ss.mm.ii.)

La Misura prevede a fronte dell’impegno assunto dal beneficiario per una delle tipologie di operazione previste, la corresponsione di aiuti, calcolati su base forfettaria, da erogarsi annualmente, per l’intera durata del periodo di impegno, per unità di superficie.

La domanda di pagamento per l’accesso al regime di aiuto introdotto con la presente misura/sottomisura/tipologia di operazione, deve essere presentata utilizzando l’apposita modulistica predisposta dall’Organismo Pagatore Nazionale (AGEA). I beneficiari, per le suddette fasi di compilazione, stampa e rilascio delle domande di sostegno/pagamento possono avvalersi, previo mandato, di un Centro autorizzato di Assistenza Agricola (CAA) o di altro tecnico.

Il presente bando consente unicamente la presentazione di domande di pagamento (conferma impegno). E’ garantita la copertura finanziaria delle domande di pagamento (conferma annuale degli impegni), successive alla presentazione di domande di sostegno già ammesse a finanziamento.

Presentazione delle domande: entro e non oltre il 15/05/2018

Ai sensi dell’art. 13, par. 1 del reg. (UE) 640/2014, le domande possono essere presentate con un ritardo di 25 giorni di calendario successivi rispetto al termine previsto del 15 maggio. In tal caso, l’importo al quale il beneficiario avrebbe avuto diritto se avesse inoltrato la domanda in tempo utile viene decurtato dell’1% per ogni giorno lavorativo di ritardo.
Le domande iniziali pervenute oltre il 11 giugno 2018 sono irricevibili.

Ai sensi dell’art. 13, par. 3 del reg. (UE) 640/2014, la presentazione di una “domanda di modifica ai sensi dell’articolo 15” oltre il termine del 31 Maggio 2018 comporta una riduzione dell’1% per giorno lavorativo di ritardo sino al 11 giugno 2018. Le domande di modifica pervenute oltre il termine del 11 giugno 2018 sono irricevibili.

Per leggere il bando completo clicca qui: AGC_DD_G02913_09_03_2018_AllegatoBando_Misura11

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *