Regione Lazio POR FSE 2014-2020 Avviso pubblico “Reti per lo sviluppo dell’agricoltura sociale per l’inserimento socio – lavorativo di soggetti in condizioni di svantaggio”

Sostenere l’agricoltura per favorire l’inclusione sociale e l’inserimento lavorativo dei soggetti in condizioni svantaggiate, favorendo al contempo la coesione territoriale e lo sviluppo di un’economia solidale.

Sono queste le principali finalità dell’avviso pubblico finanziato con risorse del POR FSE – 2014-2020 e incluso nell’Asse II – Inclusione sociale e lotta alla povertà – Priorità di investimento 9 i) Obiettivo specifico 9.1 “Reti per lo sviluppo dell’agricoltura sociale per l’inserimento socio – lavorativo di soggetti in condizioni di svantaggio”.

Oggetto dell’Avviso: i progetti dovranno presentare concrete esperienze di interventi integrati per la realizzazione di reti di economia solidale e sociale, che favoriscano l’inserimento sociale e lavorativo di persone in situazione di svantaggio, anche al fine di rafforzare il tessuto economico sociale e solidale del territorio della Regione Lazio. Le Reti per lo sviluppo dell’agricoltura sociale per l’inserimento socio – lavorativo di soggetti in condizioni di svantaggio dovranno fare riferimento ad uno degli otto ambiti territoriali dell’agricoltura sociale regionale.

Soggetti proponenti degli Interventi: possono presentare una sola proposta progettuale per un solo ambito territoriale, tra quelli indicati al par. 2 dell’Avviso, ATI/ATS costituite/costituende finalizzate alla realizzazione di Reti per lo sviluppo dell’ agricoltura sociale, finalizzate inclusione socio-lavorativa dei destinatari.

Destinatari sono invece i soggetti in condizione di svantaggio così intesi:

  • giovani tra i 18 e i 29 anni in condizioni di disagio economico e sociale definito dai seguenti elementi: inoccupazione persistente, famiglie multiproblematiche, condizioni a rischio per uso stupefacenti e micro criminalità;
  • persone prese incarico e/o censite dai servizi socio-sanitari con problemi di dipendenza da alcool e sostanza stupefacenti o psicotrope, da gioco d’azzardo patologico nonché di altre forme di dipendenze anche non legate a sostanze;
  • persone dimesse da ospedali psichiatrico-giudiziari;
  • persone in misura alternativa alla detenzione o in misura di sicurezza in carico agli Uffici di Esecuzione Penale Esterna;
  • donne vittime di violenza prese in carico dalla rete antiviolenza e avviate verso percorsi di autonomia;
  • disabili (art.3 comma 1 della legge 104/92) e/o persone con disagio psichico diagnosticato dalle strutture sanitarie pubbliche, con esclusione dei soggetti per cui sia certificata la non collocabilità al lavoro;
  • migranti che godano dello stato richiedenti asilo o beneficiari di protezione internazionale. 

Risorse finanziarie: l’importo complessivamente stanziato è di 3.200.000,00 euro.

Termini di presentazione: le proposte, con le modalità di cui al paragrafo 11, potranno essere presentate dalle ore 9 del 4 giugno 2019 alle ore 12 del 2 luglio 2019.

Per leggere l’avviso completo, cliccare qui:

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *