Ripascimento, approvato ordine del giorno per contrastare erosione. Dopo Minturno obiettivo tutto il litorale pontino

In consiglio regionale è stato approvato l’ordine del giorno che ho presentato sul ripascimento del litorale laziale. Con l’ordine del giorno si impegnano il presidente, e la giunta regionale, a mettere immediatamente in atto tutte le azioni necessarie a garantire in tempi brevissimi la difesa e la ricostruzione di tutto il litorale laziale attraverso una serie di azioni finalizzate a ridurre il rischio di erosione, azzerare il pericolo verso il patrimonio pubblico e privato e per la sicurezza dei cittadini e procedere ad un progressivo ripascimento. Si tratta di un nuovo piccolo passo avanti su un percorso che abbiamo intrapreso, come Forza Italia, non oggi ma già negli anni e nelle consiliature precedenti per risolvere un problema annoso che sta mettendo in ginocchio centinaia di imprese che operano sul litorale laziale, ed in particolare nella provincia di Latina, e che ogni anno devono fare i conti con gli effetti devastanti delle mareggiate e della erosione che continuano a sottrarre porzioni importanti di territorio, a distruggere le attività balneari e a mettere in pericolo la sicurezza dei cittadini. Un’azione quella portata avanti da Forza Italia che si è concretizzata con l’avvio, in questi giorni, degli auspicati e tanto attesi interventi di ripascimento sulla marina di Minturno. Lavori che oggi entrano in cantiere grazie all’impegno e alla determinazione dell’ex consigliere regionale Romolo Del Balzo che sin dal 2009 si è interessato del progetto, ha seguito l’iter procedurale dei finanziamenti, e con cui ho avuto modo di incontrare più volte gli operatori balneari recependone le istanze. La questione del ripascimento è stata, inoltre, oggetto di numerosi interventi che dal 2013 ad oggi ho messo in atto per fare in modo che un problema le cui ripercussioni stanno piegando il settore di punta del nostro territorio, quale il turismo, sia oggetto di una pianificazione attenta e scrupolosa, capace di mettere in atto interventi mirati e risolutivi. Quello che dobbiamo evitare con tutte le forze è che siano, come accaduto in precedenza, realizzati interventi a spot che nell’arco di qualche mese si traducono solo in un dispendio inutile di risorse. Il nostro compito, come istituzioni, è risolvere queste criticità una volte per tutte impedendo che ogni anno, all’apertura della stagione estiva, l’erosione e i danni provocati dalle mareggiate mettano a rischio il settore turistico di cui i territori costieri vivono mettendo a rischio migliaia di posti di lavoro e il futuro di tantissime famiglie. Ma dobbiamo evitare allo stesso tempo che le risposte nei confronti dei cittadini si trasformino in mere medaglie da attaccarsi sulla giacca. Il ripascimento è un problema serio su cui non ci sono meriti personali ma soluzioni a sostegno della collettività che, come nel caso di Minturno, potrà dopo quasi dieci anni vedere realizzate opere fondamentali per la sicurezza, l’economia e lo sviluppo del proprio territorio. Su questa linea continueremo a lavorare in silenzio, a differenza di chi, come un avvoltoio si getta su questi progetti solo per pregiarsi di qualche merito o dimostrare ipotetici miracoli personali. E in Regione metteremo in atto ogni strumento affinchè tutto il litorale della provincia di Latina e del Lazio sia oggetto di interventi di ripascimento e contrasto all’erosione e affinchè, questo ordine del giorno, si trasformi a breve in una pianificazione attenta dei lavori da portare in cantiere.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *