Rischio chiusura Breast Unit dell’Umberto I, convocati vertici policlinico e sanità laziale

Quello della Breast Unit di Palazzo Baleani è un centro d’eccellenza di grande rilievo per la diagnosi di visite senologiche multidisciplinari. Si tratta di un vero e proprio fiore all’occhiello della sanità pubblica della nostra regione che rischia di chiudere. E’ dimostrato con certezza che la diagnosi precoce è l’arma fondamentale nella lotta contro il tumore al seno, permettendo di aumentare notevolmente le probabilità di guarigione delle pazienti, oltre a consentire interventi più conservativi ed estetici. E’ stato inoltre stimato che le donne affette da tumore al seno curate presso centri dedicati (Breast Unit) hanno un 18% in più di guarigioni definitive e una migliore qualità di vita. Elementi che dovrebbero incoraggiare i dirigenti della sanità romana e laziale a potenziare questo tipo di strutture e non a cancellarle dal territorio”.
Il tema della possibile chiusura della Breast Unit di Palazzo Baleani del Policlinico Umberto I sarà peraltro affrontato alla ripresa dei lavori della commissione Sanità della Regione Lazio. All’audizione fissata per mercoledì 11 settembre alle ore 15.30 sono stati invitati l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato, il direttore generale del Policlinico Umberto I Vincenzo Panella, il direttore generale della Sanità Renato Botti e la responsabile del Coordinamento diagnostico-terapeutico Centro Palazzo Baleani Maria Luisa Basile.
Sempre nella giornata di mercoledì 11 settembre è stata convocata per le 14.30 un’altra audizione con oggetto il ‘Tavolo tecnico per la Cultura dell’Agibilità sui fondi regionali destinati all’abbattimento delle barriere architettoniche nei luoghi privati’. Invitata Elena De Paolis, presidente del Tavolo tecnico.
Infine per giovedì 12 settembre è stata fissata una seduta della commissione alle ore 12, che vedrà al centro la discussione sui testi di diverse proposte di legge di carattere sanitario.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *