Sanità, emergenza e batterio killer al reparto di urologia del Goretti di Latina nel disinteresse di Zingaretti. Pronta interrogazione urgente

Non esistono più parole per definire lo stato in cui si trova la sanità nella provincia di Latina. Ultima, ma solo in ordine di tempo, la situazione in cui versa il reparto di urologia dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina. Il reparto è stato accorpato a quello di chirurgia da oltre un anno. Negli ultimi mesi è stato al centro delle cronache per la diffusione del batterio clostridium che sta mettendo in pericolo la vita di alcuni pazienti. Un batterio che richiede una profilassi e degli accorgimenti sul piano della prevenzione estremamente accurati ma che sono difficili da attuare a causa della situazione complessiva in cui l’ospedale, il principale nella provincia di Latina, versa da tempo. Basti pensare che, ad oggi, nel reparto di urologia ci sono almeno due nuovi pazienti su cui si stanno effettuando le analisi di rito per il sospetto contagio da clostridium e che, nonostante questo allarme, il personale medico ed infermieristico non ha gli strumenti per potersi tutelare. Le misure di prevenzione prevedono, tra gli altri accorgimenti per scongiurare il contagio, che sia utilizzato dopo ogni visita uno specifico disinfettante di cui il reparto è stato sprovvisto sino a questa mattina. A peggiorare il quadro già difficile il fatto che nel reparto di urologia, che dovrebbe ospitare 12 pazienti, oggi ne sono collocati ben 22 con soli due infermieri per ogni turno. Alcuni pazienti sono stati sistemati su letti che mancano delle attrezzature come l’ossigeno e il campanello per chiamare il personale. Inoltre il sovraffollamento del Pronto soccorso, e la promiscuità dei posti tra pazienti gravi e meno gravi, stipati a volte in reparti diversi da quelli in cui dovrebbero essere ricoverati, si è trasformato in un ponte per la diffusione di germi e batteri. Di fronte a questa situazione il personale medico ed infermieristico è allo stremo. I pazienti sono esasperati. L’assistenza è diventata una vera e propria parabola garantita, sul piano dell’efficienza, solo dalla buona volontà e dalla dedizione degli addetti. Una emergenza che sfocia nell’emergenza e che sta mettendo il Goretti di Latina letteralmente in ginocchio. Una situazione impietosa che continua ad essere ignorata dalla Regione Lazio e  dal presidente Zingaretti e su cui stiamo predisponendo una interrogazione urgente per avere risposte chiare. E’ inaccettabile che il luogo deputato a curare i cittadini sia diventato quello in cui la loro vita, e quella del personale addetto, viene messa a rischio. Servono interventi mirati e seri. Zingaretti non può continuare a sottrarsi alle sue responsabilità limitandosi a collezionare le bocciature, non ultima quella scaturita dal rapporto “Crea Sanità” dell’Università Tor Vergata di Roma, e pubblicati su Il Sole24Ore, che ha misurato le performance dei servizi sanitari regionali collocando il Lazio nella parte bassa della classifica, tra le regioni che arrancano tra mille criticità. Amministrare impone responsabilità e Zingaretti, ancora una volta, non sta né amministrando né assumendosi le responsabilità per un settore come quello sanitario completamente allo sbando.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *