Simeone: “Ponza e Ventotene isolate, la Regione intervenga subito. Rischio emergenza”

Il consigliere regionale del Pdl, Giuseppe Simeone, interviene a seguito dello stop della Regione ai fondi per il collegamento veloce con le isole

Nuovo stop al collegamento veloce con le isole. Da oggi Laziomar ha sospeso il servizio effettuato dal catamarano che era stato affittato per sopperire all’assenza dell’aliscafo in riparazione. Ho contattato il presidente della società che mi ha assicurato che la riparazione dell’aliscafo Alnilam richiede ancora dieci, massimo quindici giorni. La Regione Lazio, nonostante questo, ha deciso di sospendere l’erogazione delle somme necessarie a coprire l’affitto del catamarano Alcione. Si tratta di una situazione inaccettabile. Se i tempi necessari ad ultimare la riparazione sono così brevi la Regione ha il dovere di non sospendere un servizio che è fondamentale non solo per assicurare lo spostamento dei passeggeri che ogni giorno si muovono dalle isole alla terra ferma e viceversa. La cancellazione del servizio rischia infatti di avere delle ricadute negative anche per quanto riguarda la salute e la sicurezza dei cittadini di Ponza e Ventotene che, in questo modo, rischiano di non avere a disposizione una nave veloce in caso di emergenza. A questo si aggiunga che il blocco dei fondi da parte della Regione Lazio a ridosso dell’inizio della stagione turistica avrà, qualora i tempi di riparazione si prolunghino, ripercussioni negative sulla già precaria economia delle isole e delle attività commerciali che vivono proprio grazie al flusso di visitatori che scelgono Ponza e Ventotene nei primi weekend di sole. Porterò immediatamente all’attenzione della Regione questa situazione che deve trovare una soluzione definitiva partendo dallo sblocco dei fondi necessari all’autonomia di Laziomar e alla copertura di un servizio di vitale importanza per l’economia e lo sviluppo delle isole ma anche del resto del territorio pontino.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *