Sociale, 2 milioni di euro per il bando destinato all’inclusione dei migranti transitanti sul territorio della Regione Lazio

Avviso pubblico della Regione Lazio per la “Realizzazione di reti per l’inclusione dei migranti transitanti sul territorio della Regione Lazio”

Obiettivo: realizzare un intervento sperimentale volto alla creazione e allo sviluppo di reti per l’inclusione sociale dei migranti transitanti, con il coinvolgimento attivo delle associazioni e organizzazioni del terzo settore che operano sul territorio regionale, al fine di definire un modello di governance e di erogazione di servizi standardizzati e conseguire così elevati livelli di qualità per l’erogazione dei servizi stessi.

Risorse totali disponibili: 2 milioni di euro

Possono partecipare: soggetti costituiti o che intendano costituirsi in Associazione Temporanea di Imprese (ATI) o in Associazione Temporanea di Scopo (ATS), costituite o costituende

L’ATI/ATS deve essere composta dai seguenti soggetti:

  • almeno 1 operatore della formazione già accreditati o che abbiano presentato domanda di accreditamento prima della presentazione della proposta, nell’ambito della formazione professionale e dell’orientamento, ai sensi della D.G.R. n. 968/2007 e s.m.i.;
  • almeno 1 dei Soggetti del terzo settore di cui all’art. 39 comma 2 della legge regionale del 10 agosto 2016 n. 11.

Destinatari: persone che escono dagli ex-CARA o anche dai Centri SPRAR; casi Dublino III” che vengono rinviati in Italia da altri Paesi dell’Unione, oppure “casi Dublino” che hanno presentato ricorso contro la decisione di trasferimento in un altro Paese UE; cittadini candidabili o che hanno applicato il programma relocation secondo gli accordi europei, inclusi i potenziali richiedenti la protezione internazionale che non abbiano già presentato istanza alle autorità italiane; titolari di protezione internazionale che raggiungono le città capoluogo e che non hanno ancora registrata la propria residenza; ricorrenti contro il diniego della protezione internazionale, in attesa di decisione dell’Autorità giudiziaria, residenti o domiciliati nella Regione; persone a cui è stata revocata la possibilità di domiciliazione/residenza presso o una organizzazione di Terzo settore o presso la “Casa comunale”; persone in accoglienza presso Centri per Senza Dimora (Ostelli o altro tipo di alloggio) istituiti dagli Enti locali sul proprio territorio che non hanno una vocazione specifica all’assistenza e all’orientamento sociale, legale e sanitario dei cittadini stranieri migranti; cittadini stranieri accolti in Strutture non governative, o di natura privata (ad esempio subaffitto presso connazionali) o presenti in occupazioni abusive (inclusi i neomaggiorenni); neomaggiorenni in carico presso le strutture di accoglienza del Lazio e che hanno un progetto di trasferimento in altri Paesi; altri migranti particolarmente fragili, ancorché già presi in carico dalle istituzioni e organizzazioni preposte alla loro accoglienza, al fine di rafforzarne il miglioramento delle condizioni di empowerment.

Presentazione delle domande: entro e non oltre le 17 del 17/10/17

Per leggere il bando completo clicca qui: bando inclusione migranti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *