Sostegno alle medie e piccole imprese del Lazio: in arrivo un bando regionale da 60 milioni

Primo passo della Giunta regionale del Lazio verso le imprese, specie le piccole, strozzate dalle conseguenze della pandemia e della guerra in Ucraina. L’organo ha infatti approvato una delibera attraverso la quale attiverà, all’interno del fondo di partecipazione Fare Lazio, la sezione ‘Credito 2021-2027’.

Siamo solo alla fase preliminare. Non c’è ancora un bando che speriamo, per il bene delle tante imprese possibili beneficiarie della nostra regione, arrivi presto.

Si tratta di uno strumento, con una dotazione di 60 milioni, destinato a supportare le imprese durante la delicata fase post pandemica.

La misura si dividerà, quando approvata, in tre sottomisure, denominate Nuovo fondo per il piccolo credito, Nuovo fondo futuro e Fondo Patrimonializzazione PMI.

Nello specifico, il Nuovo Fondo Piccolo Credito (NFPC) ha lo scopo di contribuire a ‘ridurre il fallimento del mercato del credito nella regione Lazio’ ed è finalizzato alla concessione diretta di prestiti a imprese già costituite e con storia finanziaria. L’obiettivo è sostenere quei soggetti non finanziati dalle banche a causa della ‘ridotta redditività dei prestiti per il sistema bancario e non a carenze soggettive’. Le imprese che beneficeranno della misura potranno godere del minor tasso di interesse applicato al finanziamento: l’aiuto è calcolato in termini di ‘Equivalente Sovvenzione Lorda’.

Il Nuovo Fondo Futuro, invece, ha come fine quello di sostenere le microimprese in fase di avviamento, per contrastare l’economia sommersa e sostenere la nuova occupabilità, l’autoimpiego e l’inclusione di lavoratori e lavoratrici con contratti atipici. Quindi finanzia progetti di investimento finalizzati a promuovere l’autoimpiego e l’autoimprenditorialità tramite il sostegno finanziario all’avvio di nuove imprese (costituende o costituite da meno di 36 mesi).

Il Fondo Patrimonializzazione PMI, infine, vuole rafforzare le imprese del territorio a sostegno dello sviluppo e della ripresa, per uscire dalla crisi post pandemica.

Al fine di incentivare interventi di rafforzamento patrimoniale dell’impresa da parte dei soci privati, questo strumento finanziario eroga prestiti a fronte di aumenti di capitale sottoscritti e versati dai soci esistenti o da nuovi soci.

Non resta quindi che aspettare che la regione pubblichi il bando.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *