Sviluppo del cinema e dell’audiovisivo, la Regione Lazio ha approvato criteri e modalità di concessione delle risorse

Sviluppo del cinema e dell’audiovisivo, la Regione Lazio ha approvato criteri e modalità di concessione delle risorse nell’ambito del “Fondo di rotazione per la concessione di prestiti a tasso agevolato per sostenere le industrie cinematografiche e audiovisive del territorio della Regione”

Possono essere beneficiarie del prestito agevolato: le Piccole e Medie Imprese che svolgano prevalentemente attività di produzione cinematografica ed audiovisiva; che siano produttori indipendenti¡¨ rispetto a emittenti televisivi o assimilabili, come meglio precisato nella pertinente normativa nazionale e regionale; che abbiano una o più sedi operative nel Lazio, regolarmente registrate al Registro delle Imprese, dove risultino lavorare la maggioranza dei dipendenti stabili (escluse troupe ed altro personale assunto per le singole
produzioni); che non risultino costituite da oltre 5 anni, al momento della presentazione della domanda, o che comunque non risultino prosecuzione di precedenti attività aventi tale anzianità.

Ciascuna PMI beneficiaria può ottenere un solo prestito e per una sola produzione, fino alla restituzione integrale del prestito.

L’importo del prestito regionale è pari alla somma: del 100% dell’importo della copertura finanziaria del progetto accordata dagli investitori indipendenti, fino ad una soglia massima di 40.000 Euro o, per le opere prime e seconde come definite dalla pertinente normativa nazionale e regionale, fino ad una soglia massima di 60.000 Euro e del 50% dell’eventuale maggiore importo della copertura finanziaria che gli investitori indipendenti dovessero accordare rispetto alle suddette soglie massime.
L’ammontare del prestito regionale non può comunque essere inferiore a 20.000 Euro, non può superare 100.000 Euro e, sommato a quanto accordato dagli investitori indipendenti, non può andare oltre le spese ammissibili.

Per leggere la delibera clicca qui: 730 DEL 14 DIC

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *